Lento cammino

Pubblicato: 23 settembre 2014 in 2014

In-the-parkE’ sempre triste fare i  conti con gli anni che passano e con le malattie che devastano.

Quando ieri sono entrata nella tua camera non sapevo cosa avrei avuto di fronte. Più o meno, ma non esattamente. Eri lì, nel tuo mondo popolato da chissà chi e chissà cosa, non ci hai nemmeno visti, anche se eravamo a un passo da te. P funge da labile filo che ti tiene legata in qualche modo qui.

Sempre più magra, sempre più minuta. Sempre più rannicchiata in un angolo in una dimensione chiara solo a noi.

Le tue urla che non comunicano niente di sensato, le parole che si mescolano tra di loro restituiscono solo impotenza a chi vive intorno a te e non riesce a fermare questa perdita costante di realtà. Non importa chi eri, non ci sei più. Non importa chi ti ama, per te non esiste più. E nulla dipende da te. Non ci sono più le esperienze, i legami, i collegamenti. Forse solo ombre e fantasmi. Ci restituisci ciò che potrebbe essere, ed è la cosa più difficile da superare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.