EHI!

Pubblicato: 19 gennaio 2016 in 2016

4531906809_382c1ab356_b

..non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa, neanche a me! Ok?
Se hai un sogno tu lo devi proteggere.
Quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non lo sai fare.
Se hai un sogno inseguilo. Punto!
dal film “La ricerca della felicità”

Chi ha una sana, grassa e felice autostima ha tutta la mia invidia!

Ogni giorno mi sveglio e penso: ‘Fanculo! Oggi va tutto bene, mi sento centrata! Non c’è motivo per  cui mi debba sentire sotto una lente, è ora che mi faccia vedere al mondo per quello che sono, perché non sono niente male.’

Faccio partire la giornata, la casa, la vita mia e di Giò. Accendo il computer, guardo la posta, porto giù Romeo. Inizio con gli impegni schedulati nella mia testa e penso che sia proprio in questo momento, con la testa occupata, che l’animaletto malefico si sieda piccolo piccolo sulla mia spalla e aspetti. E i pensieri si sdoppiano, una parte vola alta, nel cielo della speranza. Ma l’animaletto malefico inizia a scavare, a nutrirsi e a crescere.

Il pensiero alto vola nella terra del ‘tutto è possibile’, del ‘tutto può cambiare in un momento, potrebbe essere ora, perché no?’ Una telefonata, basterebbe uno squillo del telefono e nuovi mondi prenderebbero corpo. L’animaletto sussurra, lo sente il mio inconscio, ‘quante banalità! ogni cambiamento dipende da te, non dalla bacchetta magica del destino! solo che tu….’ E io sento crescere una sorta di malessere che avvolge il cuore o chi per lui, allora capisco che è giunto il momento di portare fuori Romeo e aprirsi all’aria per ripulire i pensieri. A volte funziona, a volte no. In questi giorni con questi colori e questo sole, persino con questo freddo, mi carico di energia.

Quando torno a casa, tra cucina e computer, sento la sicurezza già più traballante. E se arriva un grugnito o una battuta infelice, si aprono varchi di sconforto. Vedo più salite che discese. E sento la stanchezza piombarmi addosso. Poi il pomeriggio trascorre sull’altalena, tra momenti in cui mi sento volare e altri in cui mancano le forze.

A chi trova sollievo alla propria rabbia colpendo le fragilità altrui vorrei dire una cosa. Le prime volte puoi essere capito. Poi, la comprensione si trasforma in sofferenza, in frustrazione e alla fine ci sarà solo rabbia. Paralizzante. Non c’è un diritto di priorità, i tuoi problemi e i miei hanno lo stesso peso. Magari nomi diversi, ma ognuno deve trovare la sua soluzione. La tua non passa attraverso di me. Non credo che colpirmi ti apra soluzioni. E nemmeno serenità. Ogni solco di sofferenza creata lascerà le sue cicatrici. E non è detto che scompariranno. Sei sicuro che ne valga la pena?

Photo credit: Till The End Of Time… via photopin (license)

commenti
  1. Linda ha detto:

    Oscar Wilde diceva: la vita è troppo breve per sprecarla a realizzare i sogni degli altri.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.