Archivio per novembre, 2016

Un giorno dopo l’altro

Pubblicato: 2 novembre 2016 in 2016
Tag:, , ,

woman-walking-away-1464338209st2_2
Procedo per la mia strada, perché non posso fare altrimenti. Non posso più guardare il dito, tra l’altro, non mio. C’è la luna. C’è il sole. Ci sono i colori. Tanti. Ci sono le risate. C’è persino la leggerezza. Ci sono i ricordi, quelli belli, che mi tengono caldo quando mi ci aggrappo per non sentire  il vuoto. Ci sono le parole: tante, troppe. C’è un groviglio, sono le impronte dei passi di due che camminano senza una direzione: vicini, lontani, improvvisamente vicini, improvvisamente ancora lontani, lontanissimi. E poi?

Il problema è che la vista diventa sempre più corta. E che devo scoprire ancora troppe cose. Non so se ho gridato l’urlo più forte, probabilmente me lo sono tenuto dentro. Non ho ancora trovato due fiocchi di neve uguali. E non so quanto sono profonde le onde. Non ho ancora capito se mi bagno di più se quando piove corro o se passeggio e mi sento parte integrante del grande mondo chiamato Natura. Ho tante domande senza risposta. Sai quanti treni non ho preso? e quanti voli mi mancano? non credo di aver sentito tutte le canzoni che mi piacciono. Non ho ancora trovato una crema che superi la Nutella. O la mia torta preferita: senza indugi, è la Sacher… ma è veramente la più buona del mondo?

So che ci sarà un momento in cui il bambino diventerà definitivamente un ragazzo: riuscirò a vedere qualche traccia di quello che è stato? un giorno dopo l’altro, un passo e poi quello successivo. Si fa un po’ di pulizia, si cerca di trovare uno spazio per le emozioni più importanti, si prosegue. E’ così che deve andare. Chi c’è c’è…..