Io, che non so (più) parlare d’amore

Pubblicato: 19 agosto 2019 in 2019
Tag:, ,
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Oggi, nell’interminabile giro tra i corridoi dove lavoro, mi hanno fatto conoscere un artista: poeta, scrittore e pittore. La persona che stavo accompagnando gli dice: ‘Anche lei scrive’. Non mi aspettavo di essere presentata così, francamente. L’artista mi chiede, con genuina curiosità: ‘Cosa stai scrivendo?’. Del tutto impreparata a condividere questo aspetto della mia vita in quel contesto, ho comunque sentito di potermi fidare. E gli ho descritto brevemente il mio progetto. E lui, intuendo qualche mia fragilità ha aggiunto: “scrivi, appena hai un’intuizione: scrivi. Se hai un’idea: scrivi. Poi molla tutto. E quando sarà passato il tempo necessario, ritorna sul tuo progetto, cerca la forma e la struttura, lavoraci su.”

Sto scrivendo. Senza una direzione chiarissima. Ma sto scrivendo.

A proposito di direzione, anche questo post…. l’AMORE, avrei voluto affrontare questo argomento. Dunque. Ho un’amica che vorrebbe convincermi a tutti i costi che avere un compagno è fondamentale per raggiungere la serenità. Lei parla addirittura di felicità. Dai su… siamo seri! Ognuno ha la sua chiave per essere felice. La mia, adesso, si nutre di altro. Sono contenta che tu sia felice con il tuo compagno, amica mia. Ma questa ricetta non è universale.

Sabato sono inciampata in queste parole:

L’amore è come il giardinaggio. Ho imparato a focalizzarmi sull’aiutarti a far sbocciare ciò che vuoi essere più che nel chiederti di diventare quel che il mio fragile ego ha bisogno che tu sia. Ho imparato a trarre piacere dal nutrire i tuoi sogni più che a combattere con te per soddisfare i miei bisogni egoistici e saziare le mie insicurezze. Ho imparato che l’amore è ascoltare, l’amore è dare, l’amore è libertà.
Willie Smith

Sinceramente ho pensato che fossero dedicate al figlio (no, in realtà). Vorrei riuscirci tutti i giorni: dimenticarmi di me stessa, mettere da parte il mio ego, ignorare le mie insicurezze per aiutarlo a far crescere i sogni, ascoltare, dare, rispettando la libertà e l’individualità. Vorrei che chi condivide con me l’esperienza facesse altrettanto. Vorrei vedere mio figlio volare, capace di lasciare a terra quei pesi che ha dovuto sopportare fino a qui. E magari volare anch’io. Alla giusta distanza.

Non è sempre facile.

Come è stato impossibile, evidentemente, per qualcuno, lasciare a casa rabbia e frustrazione. Ho sentito la voce di chi le ha messe in valigia, replicando, ovunque si trovasse in vacanza, probabilmente davanti a panorami pazzeschi, discorsi di sempre, modelli di sempre. Peccato!

L’AMORE, ricordi? dovresti parlare d’amore. Sì… ce l’ho.. NO, in realtà no. Non ne ho bisogno, tutto qua. Non ne so parlare. Ma le emozioni che vivo ora non hanno bisogno di amore. Domani, dopodomani, chissà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.