Posts contrassegnato dai tag ‘perdersi’

E’ pericoloso sporgersi….

Pubblicato: 1 gennaio 2016 in 2016
Tag:, , , ,

9131017638_9ed31205b2_k

Sorvoliamo su 2015/2016, per carità, meglio che sia finito, ma bastasse un numero a girare le cose…. Per esperienza so che non c’è limite al peggio, quindi so che si può scendere in basso all’infinito… e che anche quando pensi: ormai non posso che risalire… non è vero! Quindi. Non dico niente, affronterò le cose come verranno….

E’ una specie di magia che in un attimo mi porta via, mi ritrovo piccola in macchina, quattro bambini seduti dietro a contendersi i posti ai finestrini, sentire l’aria in faccia, o mani fuori per trattenerla, giocare con lei, mentre tra i fratelli iniziano le lotte e i ‘quanto manca?’…

Passa il tempo e il viaggio è in treno, tra Milano e Padova e viceversa, con quelle targhette che avvertivano, in quattro lingue: “E’ pericoloso sporgersi dal finestrino….” Mi sembrava quasi un invito irresistibile a farlo. Oggi non si può più, è tutto sigillato.  Si usciva sul corridoio a fumare la sigaretta, con quel continuo passaggio di viaggiatori, quei sedili a scomparsa, e quella voglia di sporgersi, urlare, e ridere.

Per passare il tempo si parlava. Magari del tempo,  o di cose profondissime. Con gente mai vista e che non avremmo rivisto mai più. Oggi ci portiamo il nostro mondo sempre con noi, benedetti/maledetti smartphones. Tutti con le cuffiette, a messaggiare. E quei pochi che cercano un contatto, vengono liquidati spesso con un senso di fastidio. Io sto lottando contro la tentazione di tenere Giò sotto controllo, non insisto perché esca col cellulare, preferisco dargli quello che ho avuto io: la fiducia. I nostri genitori non avevano scelta, noi si. Io non ho voglia di vivere in attesa di uno squillo, per ora resisto.

Torno al mio viaggio: ho voglia di mettere da parte tutta la tecnologia. Mi sono persa, anche con una cartina in mano mi perderei. Non voglio sentire quella voce che mi guida, la strada la devo trovare da sola. Probabilmente sono fuori tempo massimo, arriverò per ultima e non troverò nessuno ad accogliermi alla meta. Devo ripartire da me. E da quello che di buono ho nella vita. Voglio potermi sporgere dal finestrino, tra le urla, le risate, guardare le nuvole e giocarci. Ritrovare la semplicità, e correre. Forse posso ancora raggiungervi.