Strani viaggi…

Pubblicato: 30 gennaio 2015 in 2015

abbraccio
L’influenza arriva, sale la febbre, si azzera l’energia ma non si spegne il cervello. Tre giorni di viaggi, più o meno lunghi, in luoghi strani, sempre angoscianti, cupi. Nei momenti di risveglio ho provato a pilotare il viaggio, pensando al mare, tanta acqua trasparente, libertà, spiagge bianche… tutto inutile!… una volta chiusi gli occhi mi ritrovavo nella stessa melma oscura lasciata poco prima. Discese infinite, luci sempre più lontane, gente sconosciuta, oppure nota ma insignificante rispetto alla mia esistenza e tutti parlavano parlavano parlavano……… non mi andava di ascoltare quello che raccontavano, le loro storie, volevo solo PACE.. pace… Alla fine del viaggio ho riconosciuto quegli occhi, ho afferrato quel braccio, mi sono chiusa in quell’abbraccio rassicurante.
Alla fine rimaniamo un po’ bambini. Ci sentiamo a casa se ritroviamo qualcuno che ci bacia sulla fronte e accarezzandoci, sorridendoci, ci rassicura che la febbre sta scendendo. E ritrovo la pace, e ritrovo la luce.

Photo credit: muscolinos via photopin cc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.